Immagini

Ivrea1.jpg

"Non vero (e bello) come in uno smalto

a zone quadre, apparve il Canavese:

Ivrea turrita, i colli di Montalto,

la Serra dritta, gli alberi, le chiese;..." 

Guido Gozzano, da "La signorina Felicita ovvero la Felicità".

"Le isole del nostro arcipelago, laggiù, sul mare napoletano, sono tutte belle."

Elsa Morante, da "L'isola di Arturo".   

Procida

Delizia (e saggezza) del bevitore

Bicchiere dopo bicchiere.

D’un bel rosso.

Acceso.

In fiamma con la trasparenza

dell’albero.

È solo

(è sera) al tavolo

d’uscio dell’osteria.

Guarda la via andar via

verso il bosco e il buio.

Sa l’ombra.

Ma è in allegria.

Carezza la bottiglia 

con mano amorosa.

(Beve vino, o una rosa ?)

Giorgio Caproni 

Untitled 1.jpg
DSCN1216_3.JPG

Adesso ci sono computer e ancora più computer
e presto tutti ne avranno uno,
i bambini di tre anni avranno i computer
e tutti sapranno tutto
di tutti gli altri
molto prima di incontrarli
e così non vorranno più incontrarli.
Nessuno vorrà incontrare più nessun
altro mai più
e saranno tutti
dei reclusi
come me adesso …

Charles Bukowski 

20210815_183117-1.jpg

" Una buona panchina fa sentire al riparo chi vi siede, e fa apparire il suo ozio come un'attività non soltanto legittima, ma di qualità superiore, da intenditore − un po' come quando al ristorante uno ordina un piatto molto semplice e il cuoco gli fa capire di considerarlo un buongustaio. "


Beppe Sebaste, da "Panchine".

" Oserei quasi assicurare che lo stato di riflessione è uno stato contro natura, e che l'uomo che medita è un animale depravato. "

 Jean-Jacques Rousseau, da "Discorso sull'origine e i fondamenti della disuguaglianza".

IMG-20210822-WA0002-1.jpg
IMG-20210905-WA0005.jpg

Anima che accarezzo a sera

 

Anima che accarezzo a sera, e sei un cane
stanco, ma un cane sempre fedele. Un cane
che balbetta un nome: padrone, padrone mio.
Non lasciarmi anima cane, non lasciarmi mai.

Alda Merini

Zac

"Ma non mi piace d'andare dai matti," osservò Alice.

"Oh, non c'è modo d'uscirne," disse il Gatto: "qui siam tutti matti. Io son matto. Tu sei matta."

"Come sai ch'io sono matta?" domandò Alice.

"Tu devi esserla," disse il Gatto, "altrimenti non saresti venuta qui."


 Lewis Carroll, da " Le avventure di Alice nel paese delle meraviglie ".  

acciuga_piccolo4.jpg
Untitled 3.jpg